lunedì 1 aprile 2019

Mattine domestiche e quartetti d'archi

Un sabato mattina di sole. La giornata è limpida, tiepida. La primavera inizia a farsi sentire. Dopo alcuni giorni passati a Londra, dove la temperatura era più invernale, il divano vicino alle finestre del salotto è decisamente invitante.
Acciambellata nel sole, la colonna sonora ideale di questa mattina piacevolmente oziosa è l'Andante Cantabile, dal Quartetto d'Archi n. 1 in re maggiore, di Tchaikovsky.
Il Quartetto è composto di quattro movimenti, ma stamani ho voglia di ascoltare solo il secondo, l'Andante Cantabile appunto.
E' un brano famoso, che una quindicina d'anni dopo essere stato composto fu adattato dall'autore per violoncello e orchestra, come brano a sé; particolarmente orecchiabile, la leggenda vuole che sia basato su una melodia popolare che Tchaikovsky - ospite della sorella - sentì fischiettare ad un imbianchino che le stava tinteggiando la casa.
Quale che sia la sua origine, comunque, la bellezza del brano è tale che riesce sempre a cullarmi, dandomi un senso di pace e serenità.
Il link qui di seguito ripropone una impeccabile esecuzione del Quartetto Borodin, una formazione nata a Mosca nel 1945, nella quale si sono avvicendati diversi musicisti (è uno dei quartetti più longevi al mondo), tutti provenienti dal Conservatorio della capitale.  


Nessun commento: