lunedì 14 gennaio 2019

Incipit fighi #7



A guardare quel vecchio venivano i vermi.

(Questo è l'incipit di La religione di monsieur Pleur, racconto di Léon Bloy, contenuto in Il telefono di Calipso e altre storie sgradevoli, raccolta fulminea e saporita pubblicata da il Melangolo; e niente, è fenomenale. Purtroppo non conosco il francese e pertanto non so come suona, ma tutte quelle "v" mi hanno dato i brividi; e la cosa veramente figa è che ogni volta che lo rileggo provo sempre lo stesso brivido di piacere. La locuzione venire i vermi, secondo me, è incantevole e molto suggestiva: t'immagini questo tipo che passa, che vede il vecchio in questione e gli vengono i vermi. Che poi non dice "mi venivano i vermi", ma il disgusto provocato dal vecchio viene buttato lì come un dato di fatto, ed è una cosa che solletica ancora di più l'immaginazione, per tacer della rabbia e della stizza che sembrano addirittura superare la repulsione e il dispetto.
E niente, starei ore a commentare questa frasetta, così come me la sono letta almeno una decina di volte prima di proseguire con il racconto. Sarei tentata anche di leggerla a voce alta, più e più volte con diverse intonazioni, ringhiandola, sussurrandola, declamandola, per vedere l'effetto che fa. E mi sa che prima o poi lo farò)

Nessun commento: